Zend - The PHP Company


Lo sviluppo Agile non è sufficiente: Zend fornisce alle aziende gli strumenti per ottenere l’Agile Delivery

Il lancio di un nuovo framework API, Blueprint for Continuous Delivery
 

PHP 2013 Conference, Santa Clara, California, USA — 8 Ottobre 2013 — Oggi alla principale conferenza per sviluppatori PHP (ZendCon), Zend ha annunciato nuove significative offerte progettate per fornire alle aziende strumenti efficaci per diventare più agili nel rilascio di nuove applicazioni. 

L’annuncio include Blueprint for Continuous Delivery, una nuova e più ampia soluzione costruita sulla base della piattaforma Zend Server. Blueprint è progettata per accelerare e potenziare il processo che va dalla codifica alla produzione di un’applicazione, infatti integra tutti i passaggi principali coinvolti, dall’integrazione continua all’automatizzazione dell’infrastruttura e al processo di rilascio dell’applicazione, ed è costruita per la collaborazione fra team di sviluppo e team di sistemisti operativi.

Inoltre oggi Zend ha lanciato anche un nuovo progetto Open Source denominato Apigility, che è progettato per favorire l’adozione di un architettura basata su API che supporti un rilascio di applicazioni ancora più agile. Il progetto Apigility ha il grande obiettivo di fornire il modo più semplice al mondo per creare e mantenere applicazioni basate su API di alta qualità. Zend ha anche annunciato un’espansione dell’ecosistema Zend Server per permettere l’integrazione con la PaaS Cloud Foundry.

 
L’agilità separa i vincenti dai perdenti
 

L’agilità oggi è essenziale per le aziende e le applicazioni sono diventate la linfa vitale e il biglietto da visita per clienti e partner. Uno studio recente di IBM Institute for Business Value [1] condotto su oltre 400 dirigenti aziendali, ha rilevato che sebbene “lo sviluppo software efficace, dall’ideazione al rilascio, sia essenziale per ottenere un vantaggio competitivo,” meno del 20% delle aziende ha implementato pratiche di agile delivery. In modo più importante, lo studio ha identificato un enorme gap fra le prestazioni di mercato delle aziende che gestiscono al meglio il ciclo di delivery del software dalle altre ed è stato trovato che il 70% delle aziende all’avanguardia con questi processi “superano in prestazioni le concorrenti da un punto di vista della redditività.” 

Chiaramente le aziende devono investire nell’abilità di sviluppare, rilasciare e iterare le applicazioni molto velocemente oppure perderanno terreno nell’innovazione e nel cogliere le opportunità di mercato. La missione di Zend è di sostenere le aziende per far ottenere questi vantaggi competitivi, cioè favorire l’agile delivery.

 
Apigility: il modo più facile del mondo per creare API di alta qualità
 

Le applicazioni basate su API sono un punto di partenza fondamentale per l’agile delivery. I business al giorno d’oggi devono fornire applicazioni che funzionino sia nel web che sui diversi dispositivi mobili e che interconnettano dati e servizi da sistemi esistenti di back-end multipli. Le aziende devono ottenere tutto questo con flessibilità per la crescita e per l’innovazione continua, ma al contempo devono fornire agli utenti la più efficace e moderna esperienza.

Le applicazioni basate su API abilitano questa esperienza. Riconoscendo la grande importanza e la sfida determinata dalla costruzione di applicazioni basate su API, Zend ha lanciato Apigility, un nuovo progetto Open Source che è destinato a diventare il modo più semplice al mondo per creare API. Apigility prevede un’interfaccia per costruire e mantenere le API in modo semplice e standardizzato e  che trae il massimo vantaggio dalle best practice e dagli standard di settore. 

Zend Blueprint per la Continuous Delivery

Le aziende non possono ottenere l’agilità se i team di sviluppo e i team dei sistemisti dell’area operativa non sono coordinati fra loro. La continuous delivery elimina gli ostacoli tradizionali fra sviluppo e operatività perché ridefinisce i processi che le applicazioni seguono dall’ideazione al lancio sul mercato. L’intero ciclo di vita dell’applicazione, dalla progettazione alla costruzione, dal testing al rilascio, diventa un processo unico, velocizzato e iterativo.

Zend Blueprint for Continuous Delivery ha come suo nucleo la piattaforma Zend Server, che fornisce caratteristiche di consistenza, automazione e collaboratività durante il ciclo di rilascio continuo. Blueprint comprende anche una serie di pattern che permettono la codifica secondo le best practice durante le varie fasi del ciclo di vita. Inoltre sono previsti plug-in che permettono l’integrazione di Zend Server con i più famosi software per l’automatizzazione dell’infrastruttura e per il monitoring con la logica dell’integrazione continua (CI - Continuous Integration).

Gli utenti posso trarre il massimo vantaggio da questi pattern per automatizzare l’infrastruttura base e i processi di rilascio delle applicazioni. Per esempio il pattern per Jenkins Continuous Integration può eseguire automaticamente deployment di test dopo la costruzione di ogni integrazione ed effettua il deployment automaticamente nell’infrastruttura resa disponibile da Chef o da Puppet.

“Zend ha una vasta esperienza nell’aiutare i grandi clienti ad automatizzare i passi principali del ciclo di delivery continuo,” dice Andi Gutmans, CEO e Co-fondatore di Zend. “Siamo lieti di codificare queste best practice in pattern che possono essere facilmente adottati da migliaia di aziende di tutte le dimensioni. Ciò permette loro di raggiungere rapidamente i vantaggi dell’implementazione di un processo di delivery continuo.”

Oggi Zend ha annunciato i primi dei molti pattern
 
  • Pattern Zend per l’integrazione continua con Jenkins
  • Pattern Zend l’automazione dell’infrastruttura con Chef
  • Pattern Zend l’automazione dell’infrastruttura con Shell Scripts
  • Pattern Zend l’automazione dell’infrastruttura con VMware Cloud Automation Center
  • Pattern Zend per il monitoring con Nagios
  • Una serie di SDK che permettono ulteriori integrazioni personalizzate con qualsiasi dei processi o software per l’automazione esistenti orientati all’integrazione continua.
 

Nel prossimo futuro Zend intende rilasciare altre integrazioni, fra le quali i pattern per il software d’automazione Puppet Labs, per il server Bamboo e il monitoring per il protocollo SNMP.

“Se non si è capaci di rilasciare valore iterativamente su una base continua, non si sta sviluppando per il Web,” dice Jon Marston, Vice presidente Engineering di English Central, un sito web per l’apprendimento online della lingua inglese che ha una tecnologia unica per l’analisi vocale e della pronuncia. “Siamo stati in grado di implementare l’integrazione continua con Hudson e l’abbiamo collegato in Maven usando Zend SDK; questo ci ha permesso di creare applicazioni pacchettizzate per un deployment robusto con Zend Sever. Il risultato è che ora rileviamo prima i bug e presentiamo nuove release due volte la settimana con molta più sicurezza.” 

“Siamo lieti di collaborare con Zend per rendere disponibile un pattern che automatizza il carico di lavoro PHP con Zend Server e la tecnologia Puppet Labs,” ha detto Mitch Sonies, VP Business e Corporate Development di Puppet Labs. “L’adozione da parte dei team di sviluppo e dell’area operativa dei processi di delivery continua aumenta sempre di più all’interno delle organizzazioni aziendali e, con essa, cresce il bisogno di deployment totalmente automatizzabili e scalabili.”

“Jenkins è sempre stato uno strumento essenziale per Novadex, ma il deployment non è uno dei suoi componenti nativi. Questo significa che, prima di usare Zend Server, dovevamo riordinare per creare il notro scripting e il meccanismo di packaging per il deployment del codice,” ha detto Andreas Roßbach, Chief Technology Officer di Novadex. “Traendo vantaggio dalle caratteristiche di Zend Server e dall’SDK, abbiamo semplificato lo scripting e senza particolari problemi supportiamo i cluster. Inoltre permettiamo agli utenti non esperti di iniziare il deployment e al contempo forniamo maggiore controllo e la flessibilità essenziale per Novadex. Questo perché vogliamo essere all’avanguardia nella gestione della comunicazione business basata sul cloud”.

“L’Enterprise IT è in fase di cambiamento perché il consumo di beni e servizi sta diventando sempre più digitale. La tecnologia ora è il punto di contatto principale per la customer experience e la gara è finalizzata a rilasciare rapidamente sul mercato nuove applicazioni e servizi,” ha detto Ken Cheney, VP Business Development di Opscode. “Enterprise Chef e Zend Server forniscono il fondamento per automatizzare l’intero ciclo di vita di delivery di un’applicazione e permettono la velocità e agilità necessarie per soddisfare le nuove richieste dei clienti.”

 
Zend si espande nel Cloud 

La parte finale per ottenere la vera agilità è usare un’infrastruttura basata sul cloud flessibile e scalabile in funzione delle necessità di business. Zend annuncia il suo intento di fornire una nuova integrazione con Cloud Foundry. Zend Server, la piattaforma di Zend per il delivery continuo, sarà resa disponibile come build pack per coloro che utilizzano il PaaS Cloud Foundry. Zend Server è già disponibile in IBM Smart Cloud, Amazon Web Services, Red Hat OpenShift, RightScale e in molti altri server cloud. Cloud Foundry è un’aggiunta importante e benvenuta. 

“Siamo lieti che Zend intenda creare una build pack per Pivotal CF, il nostro PaaS di livello enterprise basato su Cloud Foundry,” ha detto James Watters, Capo prodotto, Marketing ed ecosistema per Cloud Foundry in Pivotal. “Portando Zend Server in Cloud Foundry, ora gli sviluppatori PHP possono rilasciare in modo continuo, iterare e scalare le loro applicazioni. Questo trasforma l’applicazione, e non l’infrastruttura, in nuova unità di deployment. Crediamo che la focalizzazione di Zend sull’architettura basata su API e sul delivery continuo si accordi perfettamente con la nostra visione di Pivotal CF, basato su Cloud Foundry, che è il nuovo standard per le Enterprise PaaS di nuova generazione.”

Continuous Delivery Blueprint Zend e i patterns sono disponibili all’indirizzo www.zend.com/blueprint

Per un’anteprima del progetto Apigility visitate il sito: www.apigility.org. 

Zend apprezza i contributi da tutti gli sviluppatori per Blueprint e per i pattern. Sono accessibili tramite GitHub (https://github.com/organizations/zend-patterns) e anche al progetto Apigility (www.appigility.org).

 

Informazioni su Zend Technologies

Zend collabora con le aziende per fornire rapidamente applicazioni moderne su piattaforme mobili e cloud. Zend ha contribuito a creare il linguaggio PHP, sul quale oggi sono basati oltre 240 milioni di siti Web e applicazioni. Il prodotto di punta di Zend è Zend Server, la piattaforma applicativa leader per lo sviluppo, la distribuzione e la gestione di applicazioni business-critical in PHP. Le soluzioni Zend sono utilizzate da oltre 40.000 aziende, tra cui NYSE Euronext, BNP Paribas, Bell Helicopter, France Telecom e altri grandi marchi a livello mondiale. Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito www.zend.com.

 
Fonti
 

[1] IBM Institute for Business Value, “The software edge: How effective software development and delivery drives competitive advantage”, 2013. http://public.dhe.ibm.com/common/ssi/ecm/en/gbe03545usen/GBE03545USEN.PDF

 

Per contatti o informazioni
Christophe Chervy
christophe@zend.com
Southern EMEA Marketing Manager
Zend Technologies
T. +33 (0)1 48 55 02 02
M. +33 (0)6 79 52 10 41
www.zend.com